FANDOM


Il Velociraptor ("rapace veloce") è un dinosauro carnivoro vissuto nel Cretacico superiore. Comparso circa 85 milioni di anni fa, fu scoperto per la prima volta nel 1923 in Mongolia, e successivamente nel 1999 in Cina.

Velociraptor u4hjbq

Anatomia e dimensioni Modifica

Era un piccolo carnivoro bipede (forse ricoperto di piume) con una coda relativamente lunga rispetto al corpo e con un artiglio ricurvo sul secondo dito di ogni zampa posteriore, usato nella caccia. Il suo cranio era lungo e snello. La sua lunghezza variava da 1.8 m fino a 2.07 m. Era alto una cinquantina di centimetri e pesava sui 15 chili.

Caccia Modifica

1.Uso degli artigli ricurvi Modifica

Il fossile dei "dinosauri combattenti", scoperto nel 1971, conserva un Velociraptor e un Protoceratops che stanno combattendo. Probabilmente i due avversari furono travolti da una tempesta di sabbia o da una duna di sabbia che gli era crollata addosso. L'artiglio del secondo dito del piede è stato tradizionalmente considerato un'arma usata per sventrare le prede. Nel fossile dei "dinosauri combattenti", il Velociraptor è sotto il Protoceratops, con l'artiglio conficcato nella sua gola. Ciò indica che il Velociraptor avesse usato l'artiglio per perforare gli organi vitali della gola, come la vena giugulare, la carotide, e la trachea, invece di aprire l'addome. Il margine interno dell'artiglio era arrotondato e non molto affilato. Tutto ciò renderebbe impossibile qualsiasi azione tagliente. L'artiglio penetrò la carne, ma non fu in grado di aprirla.

2.Attacchi in branco Modifica

Resti fossili di gruppi di Deinonychus, un dinosauro strettamente imparentato con il Velociraptor, furono rinvenuti vicino ai resti del Tenontosaurus, un grosso dinosauro erbivoro. Ciò fa supporre che anche il Velociraptor cacciasse e vivesse in branco. Tuttavia fino ad oggi non sono mai venuti alla luce resti di gruppi di Velociraptor. Quest'ipotesi quindi non è ancora certa.

3.Cattura e uccisione delle prede Modifica

Nel 2011 dei paleontologi proposero che il Velociraptor uccidesse le sue prede in un modo simile agli uccelli rapaci accipitridi: sarebbe saltato sopra la preda, trattenendola e aggrappandosi strettamente ad essa con gli artigli ricurvi. Come gli accipitridi, avrebbe cominciato a nutrirsi mentre la preda era ancora viva, fino a che essa non fosse morta dissanguata. Le gambe e i piedi sono molto simili a quelli delle aquile e gli sparvieri, la forza d'impugnatura delle dita però era più simile a quella dei gufi. Le sue mandibole potrebbero essere state utilizzate in un movimento a sega per tagliare la carne.